Al via le domande per l'esonero (parziale) dei contributi previdenziali

Domande fino al 30 settembre

‘Sconto’ sui contributi fino a 3.000 euro per cali di fatturato

 

Le istanze per usufruire dell’esonero parziale dei contributi dovuti nel 2021, da parte dei lavoratori autonomi iscritti all’Inps, potranno essere presentate dal 25 agosto fino al 30 settembre.

 

Scatta così per gli associati alle diverse gestioni previdenziali dell’Istituto pensionistico pubblico l’attuazione della misura, del valore complessivo di 2,5 miliardi, introdotta dalla Legge di Bilancio per il 2021 (e modificata dal successivo decreto Sostegni, a febbraio), che riguarda anche i professionisti iscritti alle Casse di previdenza private.

 

Le domande dovranno esser inoltrate “attraverso distinti modelli che verranno resi disponibili per ogni gestione”, segnala l’Inps. L’esonero, si ricorda, “deve essere richiesto ad un solo Ente previdenziale e per una sola forma di previdenza obbligatoria”.

 

Il ‘tetto’ massimo dello sgravio è pari a 3.000 euro, e l’aiuto si applica nei confronti dei lavoratori autonomi che, a causa della pandemia, nel 2019 abbiano percepito un reddito da lavoro autonomo pari o inferiore ai 50.000 euro e che abbiano subito una riduzione di fatturato, nel 2020 rispetto al 2019, non inferiore al 33%.

 

In allegato, il notiziario dell'ufficio politiche del lavoro di Confesercenti nazionale con i dettagli del provvedimento

 

Documenti Allegati