“Il turismo in Sicilia – dice il Presidente Assoturismo Vittorio Messina – è uno dei comparti che più è cresciuto negli ultimi anni pre pandemia. Oltre a questi segnali di attenzione è essenziale che le economie a valere sul progetto See Sicily arrivino alle imprese e alle professioni turistiche che hanno partecipato all’avviso e che le risorse non utilizzate dei 75 milioni di euro previsti dalla legge di stabilità regionale per il turismo vengano rese accessibili con un altro bando. Inoltre occorre ripristinare le condizioni che consentano alle imprese di poter fare programmazione. Questo significa avere regole certe, ad esempio, su aperture delle attività e indennizzi in caso di cambiamenti dell’ultimo minuto in grado di garantire alle imprese le perdite subite”.